venerdì 15 dicembre 2017

A4 FORMATO FUTURISTA Il futurista ferrarese Roby Guerra a Palermo, a cura di Antonino Gaeta Casa d'Arte Futurista Arté

   

ESTRATTO

Tutto pronto per l'anniversario della Fondazione di Casa D'Arte Futurista Arte', la Prima del Terzo Millennio a Palermo. Si celebrerà il terzo anniversario della fondazione del Nuovo Movimento Futurista Siciliano contemporaneo ed il primo della Fondazione di Casa / Studio Futurista Arte' fondata dall' Artista e presidente del Movimento Antonino Gaeta.

La Manifestazione, con il Patrocinio Gratuito Del Comune di Palermo, si svolgerà, sabato 15 Dicembre dalle ore 18,30 fino alle ore 22,00 presso Casa D'Arte Futurista Arte', Viale Regione Siciliana N.O. 2841 – Palermo.  INGRESSO GRATUITO.

Come afferma lo stesso Gaeta, classe 76, allievo del Maestro Franco Nocera, formatosi nella scuderia della Galleria Prati di Palermo, Studio Futurista, da luogo privato, vuol essere  spazio  di interazione sociale ed artistica, divenendo luogo di menti libere e audaci che voglio fare della propria espressività un mezzo di incontro e crescita comune, per ridare un nuovo slancio ai valori estetici socioculturali della nostra contemporaneità. '' L'Arte unica Igiene del Mondo ''.

Nello specifico per l'anteprima SINERGIE A4 FORMATO FUTURISTA '' , Venerdì 15 dicembre 2017 dalle18,00 alle ore 22.

tra i numerosi  artisti sinergici in programma si segnala (come testualmente scritto) il futurista ferrarese Roby Guerra con intervento videopoetico, oltre allo stesso Gaeta e i  futuristi contemporanei  Vitaldo Conte (critico d'arte e docente Accademia Belle Arti di Roma), Pierfranco Bruni, (Direttore archeologo del progetto Etnie/Letteratura del Mibact),William Valentin Cloud cantautore, i netfuturisti  Antonio Saccoccio, Nefasto Celiba, Marco Zappa Artista, Gianluigi Giorgetti, le stesse (da Roma)  le pittrici Tina Saletnich e Priscilla Lotti e infine molti artisti siciliani


info

https://www.comune.palermo.it/appuntamenti_det.php?id=16630




sabato 28 ottobre 2017

Ferrara, Dj Afghan e il Reggae 2.0: intervista su Radio Città Fujiko

fonte Ferrara Italia * di R. Guerra


Estratto


E' probabilmente il più importante musicista "totale" (per dirla con Adriano Spatola) contemporaneo ferrarese, famoso in tutta Europa e non solo dove spesso da anni è protagonista come Dj d'avanguardia postpop o meglio, vista certa costante cifra sound di Andrea Manservigi (il suo vero nome diversamente alias di Afghan), reggae euroafro, con live set nei più prestigiosi palcoscenici del genere, secondo noi persino afrofuturismo doc per l'attenzione musicale culturale etnica specifica o meglio con un neologismo technetnica.
Non ultimo come produttore musicale di fama stessa internazionale con Soulove Records. "Critica" per la cronaca unanime tra i diversamente "addetti" ai lavori, tutti postavanguardisti, come dimostra anche l'intervista special guest in Soul Shakedown Party, in questi giorni (puntata-episodio dello scorso 24 Ottobre) a cura del noto altrettanto Dj e radio art director, Pier Tosi….per la storica emittente libertaria di Bologna, Radio Città Fujiko.
Binomio che, come ben evidenziato nell'audio radio intervista, parte da lontano, dal mitico Link bolognese degli anni '90. A Ferrara Afghan è noto per il grande esperimento per circa 15 anni di High Foundation Festival, mai avanguardia del genere musicale in città, con ospiti di fama internazionale o tra certa diversamente nicchia culturale e artistica ben nota e spesso ancor di più fuori mura, in Italia e non solo, sempre dinamica e plurigenerazionale visto che Afghan calca le scene appunto da fine secolo e fine secondo millennio.
Numerose anche le collaborazioni autoctone, Strike, Franco Ferioli, Andrea Amaducci, Eva De Adamo, Max Czertok eccetera eccetera, musica e video o semplicemente arte "elettrica" ed "elettronica" e semplicemente come produttore inventore del logo Soulove Records, noto a livello appunto internazionale! E tale altitudine, come anche in altri casi di ferraristi molto creativi (è) soprattutto fuori dai sempre malware provinciali che inquinano anche come noto le istituzioni, non necessariamente negative in ambito culturale, ma, piaccia o meno poco inclini a ottimizzare il talento local vero global se non filtrati da genuflessioni ben note o comunque tacite di Corte (e ideologia naturalmente neppure ormai dissimulata: lo stesso Afghan, non indolore in tal senso la fine pochissimi anni fa proprio di High Foundation).
,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,CONTINUA

mercoledì 4 ottobre 2017

2020: Ferrara città d'arte, virtuale o reale? (eBook Asino Rosso)

di R. Guerra


Nel lontano 1991, chi scrive pubblicò (Liberty House) un pampleth sperimentale: Il Futuro del Villaggio. Ferrara città d'arte del 2000. Scansione futuribile alla fine del secolo e già nell'alba del terzo millennio sulle dinamiche propulsive, local global diremmo oggi, esistenti e operative nella città già capitale del rinascimento e all'epoca (altri tempi) colma di segni d'arte, letterari, culturali e anche in certa misura politici (era del sindaco R. Soffritti e della scommessa delle grandi mostre e della città d'arte) che lasciavano presagire per gli anni duemila un possibile e concreto nuovo rinascimento anche elettronico.

Tra la visione alta anche istituzionale e le recenti e in divenire esperienze vuoi letterarie sperimentali (ricordiamo soltanto certa poetica sperimentale o verbo visiva, post la rivista psicanalitica lacaniana Poeticamente e diversi esponenti di spicco proprio ferraresi nella fu Poesia Totale di suggestione spatoliana) vuoi finanche di rilievo internazionale con Ferrara capitale video, non ultimo rassegne giovani d'arte di spicco sempre istituzionali e forti fermenti anche nell'arte contemporanea, si viveva nell'aria davvero futuri possibili propulsivi.

Nel trend anche nazionale di quegli anni, optammo per una cifra di parola e scrittura squisitamente postmoderna e non lineare: lavoro critico di non facile lettura e anche criptica (con il senno di poi), essenzialmente quasi apologetica leggera (ma giustificata dai fatti): simultaneamente si evidenziava anche certo baco, certa matrice stessa solo local ferrarese ancora attardata, inclusa la percezione - nonostante la luminosità prevalente - della fine di certa ideologia, eurocomunista ancora sottostante lo scenario generale, pur – ripetiamo – fondamentalmente creativo. Temevamo il rischio, sempre focalizzando certa storia di Ferrara, di nodi e X all'epoca silenti ma destinati- vuoi certo medioevo e provincialismo a condizionare il pur radioso avvenire potenziale.

Concludevamo indicando un paradossale aut aut, sollecitati dal "debole" all'epoca futuribile culturale italiano con riferimento ai vari Piero Angela e Roberto Vacca: Rinascimento o Medioevo prossimo futuro per Ferrara al passo o meno con la nuova era elettronica e scientifica?

Da quelle pulsioni anche tipiche del mitico Anno 2000 a oggi, sullo sfondo le lezioni lungimiranti e profetiche dei vari McLuhan e Alvin Toffler, appena poco più di un ventennio, ma sembra un secolo intero in certo senso cronotemporale: il mondo è incredibilmente più complesso, anche le cosiddette periferie e villaggi di lusso come Ferrara.

Il duemila e il futuro sono venuti alla luce, ma l'ombra del nuovo purtroppo medioevo è altrettanto in primo piano, come da cronache quotidiane, dalle capitali europee alle città e ai villaggi elettrici stessi italiani, tra crisi economiche impreviste (almeno in apparenza), alla crisi stessa dell'utopia europea e al fenomeno epocale cosiddetto migrantico e multietnico.

Ferrara campione scientifico del duemila possibile, per la sua storia rinascimentale e certo novecento auroralmente neorinascimentale, resta un ologramma o archetipo del contemporaneo, specchio molto preciso delle implosioni relative del nostro tempo, su scala italiana ed europea.

Nonostante proprio nel 2016 le celebrazioni mondiali persino dell'Ariosto, la città d'arte vagheggiata in realtà non è mai decollata: le eccellenze permangono o altre sono fiorite, ma come un viaggio lunare su una navicella rattoppata: il senno stesso, metaforicamente- di memoria sempre poetica ariostesca è ancora in orbita nella stratosfera: i futuri oggi dell'ex isola felice Ferrara sono incerti,

Ecco quindi, ora un lavoro aggiornamento complementare a quello originario dei lontani anni'90, e un lavoro d'equipe a più livelli: da un lato un excursus mirato sulla creatività contemporanea global local ferrarese, dall'altro come focus strutturale la domanda topica: Ferrara città d'arte, mito o realtà nel duemila già inoltrato? Il futuro di Ferrara? Attraverso la formula diretta dell'intervista a protagonisti attuali della cultura ferrarese, tra scrittori, artisti, anche qualche giornalista, docenti universitari,  politici come special guest.

Tutti, chi più chi meno, di rilevanza anche nazionale per lo spessore e la stoffa personal.

Esiti? Ai destinatari lettori (o meglio ciberlettori in quanto trattasi di un eBook o libro digitale) la libera digitazione e decifrazione.


INTERVISTE A: 

Carlo Andreoli (Alo), Lorenzo Barbieri, Pier Francesco Betteloni, Bruno Corticelli, Marcello Darbo, Federico Felloni, Zairo Ferrante, Claudio Fochi, Sylvia Forty, Raimondo Galante, Maurizio Ganzaroli, Sergio Gessi, Sergio GnudI, Davide Grandi, Luca Grigoli, Pier Luigi Guerrini, Pasquale Nappi, Maria Letizia Paiato, Rita Pasqualini, Alfredo Pini, Claudio Pisapia, Francesco Rendine, Riccardo Roversi, Alberto Squarcia, Tiziano Tagliani, Vitaliano Teti,  Bruno V. Turra, Vittorio Zanella, Carlo Zannetti, Marco Zavagli


info

Ferrara Italia

http://www.ferraraitalia.it/interviste-sul-futuro-di-ferrara-ebook-137243.html

eBook librerie store

https://www.amazon.com/dp/B075QZGRX1

Meteo Web

http://www.meteoweb.eu/2017/09/futuro-del-villaggio-elettronico-ferrara-modello-2-0/974288/

 

giovedì 28 settembre 2017

Roby Guerra promotore del Transumanesimo italiano | estense.com Ferrara

Roby Guerra promotore del Transumanesimo italiano | estense.com Ferrara: Per eBook Asino Rosso, il futurista ferrarese Roby Guerra ha mandato on line 'Il Transumanesimo italiano. Una nuova scienza del XXI secolo', florilegio di numerosi contributi articoli già editi on line su testate nazionali in genere di Guerra, da anni attivista in Italia del movimento futurologico transumanista. Lavoro critico praticamente inedito per i protagonisti del Transumanesimo italiano, una sorta di cronache futuriste del nostro tempo per l'Italia. Guerra stesso è tra i principali attivisti italiani, ricordiamo anche suoi testi per la rivista Divenire del Movimento, la sua partecipazione nel 2010 al convegno internazionale del Movimento a Milano, con gli stessi internazionali Aubrey de Grey, Max More, David Orban, Martine Rothblatt, oltre agli italiani G. Prisco, G. Vatinno, A. Saccoccio e diversi altri. L'ebook evidenzia i vari Riccardo Campa, sociologo della scienza e altri futuribili italiani, quali Roberto Manzocco, Roberto Paura, Adriano Autino, Stefano Vaj, Cristiano

martedì 29 agosto 2017

Il Transumanesimo Italiano eBook 2017

 METEOWEB

www.meteoweb.eu
di Roby Guerra, "Il transumanesimo italiano. Una nuova scienza sociale del XXI secolo (Asino Rosso edizioni- Network Street Lib, 2017) – On line nelle principali librerie store una raccolta di articoli sul transumanesimo futuribile a cura di Roby Guerra, scrittore e blogger futurista e attivista italiano del movimento. Articoli editi on line negli ultimi dieci anni,

 

 

La futurologia transumanista secondo Roby Guerra

 

*Roby Guerra, "Il transumanesimo italiano. Una nuova scienza sociale del XXI secolo (Asino Rosso edizioni- Network Street Lib, 2017).

 

On line nelle principali librerie store una raccolta di articoli sul transumanesimo futuribile a cura di Roby Guerra, scrittore e blogger futurista e attivista italiano del movimento. Articoli editi on line negli ultimi dieci anni, da Guerra su Controcultura/SuperEva, Meteo Web, Blasting News,  Ferrara Italia, il blog Scienza e Futuro ecc. Focus il transumanesimo italiano (e area strettamente affine) con capitoli recensioni e note sui vari R. Campa, Estropico, R. Manzocco, S.Vaj, A. Autino, R. Paura, S. Battisti; U.Spezza, C. Rocchio, G. Vatinno, G. Casaleggio. P. Bruni del Mibact, A. Saccoccio e altri. Una sorta di cronache transumaniste contemporanee integrate da una sezione similare sul transumanesimo internazionale che evidenzia: A. de Grey, L. Page e R. Kurzweil, Z. Istvan, Natasha Vita More, R. J. Sawyer, K. Suntzu e altri, oltre a notizie sui due gruppi ufficiali italiani: l'AIT (Associazione Italiana Transumanisti, a cura dei vari R. Campa, E. Pilia, S. Vaj, G. Prisco) e il Network+ Transumanisti italiani a cura dei vari  D. De Biasi, G. Stile, Estropico, entrambi affiliati all'americana Humanity + (ex W.T.A.). In particolare si segnalano recensioni della rivista Divenire curata dallo stesso Riccardo Campa e una ampia nota sul blogger "storico" del transumanesimo in Italia,  lo stesso Estropico (F. Albertario). L'ebook è poi completato con una sezione prototransumanista dedicata a alcuni precursori: da Marinetti e i futuristi a I. Asimov e la fantascienza, al futurologo A. Toffler, alla cibernetica o semiotica sociale di Y. Lotman, a Fedorov e al cosmismo russo, lo stesso Piero Angela lateralmente, ecc.; e da articoli più personali dell'autore (nello specifico prossimo idealmente alla new wave ultima futuribile del famoso americano Zoltan Istvan e al suo Transhumanist Party) sul futuro delle stampanti 3D, sull'Intelligenza Artificiale, su un partito della scienza futuro e altro. Una scansione relativamente inedita in Italia con cifra ciberletteraria, non strettamente tecnica, in una ottica privilegiata di transumanesimo e futurismo sociale come umanesimo scientifico radicale e avanguardia scientifica stessa.

Come specifica l'autore (curatore del LLF- Laboratorio Letteratura Futurista- AIT) nella presentazione:

" La bibliografia attuale sul transumanesimo in Italia è abbastanza in progress, incluso un nostro precedente lavoro del 2014, Futurismo e Transumanesimo. La Poetica di Internet, di carattere più speculativo e connesso direttamente alle affinità tra il transumanesimo e il futurismo storico e contemporaneo di matrice estetico-artistica in senso sociale e previsionale tecnoscientifico; oltre ad altri contributi e interviste in brevi saggi inclusi in altri nostri lavori quali Futurismo per la Nuova Umanità. Dopo Marinetti (2012), Gramsci 2017 (2014), entrambi per Armando editore e Nuovi Futuristi Nuovi Umanisti (2012) per Este Edition e altro.

Il lavoro presente integra e completa quasi esaurientemente la nostra stagione cosiddetta transumanista o semplicemente futurologica sociale e scientifica: e in questo senso, scientifico sociale, il nostro auspicio per le rotte future del transumanesimo stesso, come poi fin dal 2009 leggiamo il cosiddetto movimento. Una scienza sociale essenzialmente del XXI secolo, magari come futura ricetta sociale per il nascente Uomo Tecnologico, dopo Internet e l'era dei robot e delle Intelligenze Artificiali".


HYPERHOUSE by S. Battisti

https://hyperhouse.wordpress.com/2017/08/23/roby-guerra-e-lebook-sul-transumanesimo-italiano/


FERRARA ITALIA

http://www.ferraraitalia.it/bordo-pagina-futurologia-ebook-sul-transumanesimo-italiano-134927.html

 

Info

https://www.amazon.com/Transumanesimo-italiano-scienza-sociale-secolo-ebook/dp/B074W3Y2PG

http://futurguerra.blogspot.com

http://www.divenire.org/

http://estropico.blogspot.com

 

 


 

sabato 13 maggio 2017

Roby Guerra al Festival del Nuovo Rinascimento | estense.com Ferrara

Roby Guerra al Festival del Nuovo Rinascimento | estense.com Ferrara: Ci sarà anche un pezzo di Ferrara al Festival del Nuovo Rinascimento di Lucca. Il futurista ferrarese Roby Guerra presenterà una sua videoperformance nell'ambito della seconda edizione della manifestazione a cura di Davide Foschi e del Centro Leonardo da Vinci di Milano, in sinergia ufficiale con Comune e Provincia di Lucca e Regione Toscana, inaugurata in questi giorni e aperta fino al 19 maggio prossimo. Domenica 14 maggio Guerra proietterà il video 'Il piccolo principe alieno' dedicato all'artista ferrarese Andrea Amaducci e ai suoi alieni, book trailer per l'ebook poetico antologico dello stesso Guerra, Fiori della Scienza XXX, edito da La Carmelina qualche tempo fa.

martedì 25 aprile 2017

Il Gramsci futurista di Roby Guerra segnalato in Sardegna per l'anno gramsciano 2017


 
 

Info

http://www.cityandcity.it/tutti-gli-ismi-gramsci/


www.cityandcity.it
L\'informazione va al passo con i tempi. Nasce a Sassari un nuovo progetto che sposa la fulminea informazione del Web con il piacere meditativo della carta stampata.


In tempi di crisi per i progressisti si segnala il Gramsci 2017 (Armando Editore, Roma) del futurista ferrarese  Roberto Guerra, definito dalla stampa sarda... "ritratto inedito del pensatore sardo in un ebook spiazzante". Il tutto in una ampia recensione (con riferimento a numerose iniziative attuali in Sardegna per l'anno gramsciano 2917 promosso dalla Regione isolana) dal titolo "Tutti gli Ismi di Gramsci" su City and City di Sassari. O ancora "Ciò che di bello, nuovo e provocatorio anima questo libro è il fatto, non secondario, che è scritto da un poeta: contiene dunque un prezioso sguardo "altro" sull'eredità politica gramsciana, riletta attraverso la lente della letteratura dell'arte......FuturismoMarinettiMajakowski....  MarxBerlinguerPasoliniCacciari, sino alle ultime propaggini della sinistra o di quel ch'é rimasto di essa: Renzi e il renzismo, passando inesorabilmente attraverso Grillo". Singolare la storia di questo saggio di Guerra, già ampiamente segnalato a livello nazionale, edito anche in anteprima cartaceo in limitid editions dalla ferrarese La Carmelina, quasi ignorato in città, quasi a conferma di quanto l'autore stesso ha ben denunciato nel suo libro eretico e controculturale... come sempre evidenzia la testata sarda: " necessariamente anche contro anche certa casta "rossa" o intellighenzia culturale radical chic cattomunista o nichilista, dove ancora prevale il pensiero unico ideologico»


 

lunedì 17 aprile 2017

Kraftwerk 2017: Trans Human Express featuring Roby Guerra (Mav Records)

MAV RECORDS  MOVIMENTO ARTE VAPORIZZATA


poesia e musica per cloni


streaming e scaricabile gratuitamente

https://archive.org/details/0kbps111/



Roby Futurguerra clona i Kraftwerk, dalla musica cosmica al robot rock.. da Kling Klang a Autobahn a  The Robots a Minicalcolatore e Tour de France

"La tecno-fantasia «suggerisce un rapporto vivente con l'estetica della realtà», nota Roberto Guerra, che la trasferisce nella visionarietà dei suoi video e testi"  
Vitaldo Conte (Pulsional Gender Art, Avanguardia 21, 2011) 

Tra poesia sonora e musica elettronica, tra dada, futurismo e situazionismo...  Da anni i Kraftwerk fans attendono un nuovo album, solo un paio ex novo in oltre 30 anni (Electric Café - 1986 e Tour de France-2004, oltre a Expo2000, ma straordinari mix e remix dei Kraftwerk stessi: al punto che live, tour non stop e negli ultimi anni in 3D sembrano incredibilmente album e canzoni elettroniche (e Video) ex novo. Futuristi e quindi anche transumanisti, autopotenzianti i brani dei Kraftwerk, (Ralf Hutter e Florian Schneider, il duo originario e fondatore, poi via diversi altri robot musicisti- è rimasto da tempo  il solo Hutter), padri della musica elettronica, canzoni tecnhopop (nato con i Kraftwerk) letteralmente "immortali", mind up loading songs non stop. Ecco quindi, da un fan poeta, spesso ispirato a tarda notte mentre scriviamo poesie o saggi, il nuovo virtuale album dei Kraftwerk. Operazione di arte estrema, mix di sconcertante semplicità, musica per cloni! Un giocattolo "elettronico" sia ben chiaro, ma forse davvero queste soundtrack kraftwerkiane  della computer age sembrano una volta di più (ri)composte il giorno prima...
(Roberto Guerra)

MAV [0kbps] Records, March 2017

VIDEO TRAILER
https://www.facebook.com/libreriafuturista/videos/1238589536220644


https://movimentoartevaporizzata.blogspot.it/2017/04/futurguerra-kraftwerk-2017-poesia-e.html


 http://www.ferraraitalia.it/bordo-pagina-kraftwerk-2017-clone-music-del-futurista-ferrarese-roby-guerra-ora-scaricabile-gratuitamente-on-line-124922.html    

http://lanotiziah24.com/2017/04/roma-movimento-arte-vaporizzata-roby-guerra-clona-i-kraftwerk-mav-records/

http://www.estense.com/?p=607827




sabato 18 marzo 2017

Roby Guerra in "Cultura Italiana nel Mondo/Italian Network"

 
 
 


INFO

http://www.italiannetwork.it/news.aspx?id=44944


Roby Guerra segnalato in "Cultura Italiana nel Mondo/Italian Network"

Per Marinetti 70   Armando Editore


"Marinetti 70. Sintesi della critica futurista" (Armando editore, Roma)  a cura di Antonio Saccoccio (Tor Vergata Univ. Roma) e del futurista ferrarese Roby Guerra continua a segnalarsi come punto di riferimento per l'avanguardia italiana storica e contemporanea. E proprio Roby Guerra in particolare è stato segnalato dalla prestigiosa testata romana Italian Network/Cultura Italiana nel Mondo.  Oltre a un incipit redazionale proprio su Marinetti 70 (che vanta tra gli autori,  oltre ai curatori,  alcuni dei principali storici dell'arte sul Futurismo, da G. B. Guerri a G. Bergahus a V. Conte e L. Tallarico e diversi altri, inclusa la stessa F. Barbi Marinetti nipote del fondatore del futurismo) è stata pubblicata una ampia nota dello stesso Guerra alla luce del recente anniversario pluricentenario ormai (108°) del Futurismo stesso.  Una nota aggiornata con riferimento al libro Marinetti 70 e  che segnala oggi proprio Roma (sede dei principali attivisti attuali) come capitale del Nuovo Futurismo e anche  molto corrosiva contro la storia dell'arte italiana tutt'ora attardata che conferma la natura stessa polemista, come noto a Ferrara, del futurista ferrarese, da cui uno stralcio: "

"Qua e là nella penisola certamente altre astronavi dell'avanguardia,  tra musica o poesia elettronica, computer o net art, arte postcontemporanea, ma, media o non media, certa arte o certi storici dell'arte  sempre distratti o nichilistici autocompiaciuti o peggio esteticamente penosamente corretti, incredibilmente poco aggiornati e preda del solito io minimo  liquido dei tempi, se oggi ha un senso  ricordare il pluricentenario Manifesto di Marinetti (eufemismo visto che ancora le cronache di regime ci parlano di improbabili resurrezioni di certe aree politiche pseudoprogressiste),  ebbene, riassumendo, oltre a ricordare che non tutta Roma è quella miseria politichese che caratterizzano sempre le cronache, ma appunto Capitale del Nuovo Futurismo, la storia attuale dell'avanguardia italiana fondata da Marinetti  ha oggi una password oggettiva"
 

mercoledì 15 marzo 2017

Nel libro su Matrix anche i futuribili ferraresi Marco Teti e Roby Guerra | estense.com Ferrara

Nel libro su Matrix anche i futuribili ferraresi Marco Teti e Roby Guerra | estense.com Ferrara: E' in uscita (dopo l'eBook già on line dal 20 2 scorso - anniversario della pubblicazione del primo manifesto futurista del 1909), un intero volume su Matrix e la fantascienza contemporanea, ricognizione a più voci sugli scenari in cui si muovono i futuristi e i ricercatori futuribili italiani di spicco nel XXI secolo (scrittori e docenti universitari, Tor Vergata Roma etc.) . Ovvero “Scenari tecnologici, Matrix, la fantascienza e la società tecnologica', edito da Avanguardia 21 di Roma, nota casa editrice specializzata sul futuro e le ciberculture contemporanee. All'interno saggi di Rossella Catanese, Antonio Saccoccio, Mario Tirino e anche i ferraresi Marco Teti con “Strategie di marketing e narrazione transmediale in Matrix” e il futurista Roby Guerra con “The Man-Machine”. In quest'ultimo un capitolo anche su Vitaliano Teti (docente Unife), curatore del video festival internazionale di Ferrara “The Scientist”. Questo non è un volume che parla di Matrix. È un volume che parte da

lunedì 20 febbraio 2017

Libri: Scenari tecnologici, MATRIX, la fantascienza e la società tecnologica


Nel giorno dell'anniversario della pubblicazione del primo manifesto futurista (1909), un intero volume su Matrix e la fantascienza contemporanea lascia intendere gli scenari in cui si muovono i futuristi e i ricercatori nel XXI secolo. Edito da Avanguardia 21 Edizioni, 2017.
All'interno saggi di Rossella CataneseRoby GuerraAntonio SaccoccioMarco TetiMario Tirino
.
Ebook: 20/02/2017.
Uscita cartacea prevista entro il 15/03/2017
Questo non è un volume che parla di Matrix. È un volume che parte da Matrix. Il cult movie dei fratelli (ora sorelle) Wachowski costituisce lo spunto iniziale, l'input primario per un discorso a 360° sulla fantascienza contemporanea. Ecco allora che i saggi che compongono il volume non affrontano solo la trilogia di Matrix, ma si soffermano su un'ampia produzione filmica (Strange DaysThe Truman Show, ContactThe Congress2001: A Space OdysseyThe Thing etc.), alcuni romanzi di fantascienza (La matrice spezzataNeuromante), serie animate (Animatrix), serie televisive (Black MirrorWestworld), fumetti (Transmetropolitan, Razzi amari).
Indice del volume:
Marco Teti, Strategie di marketing e narrazione transmediale in Matrix
Rossella Catanese, The Matrix e il Cyberpunk
Antonio Saccoccio, Matrix reconstructed: note sintetiche sull'ambiguo rapporto tra uomo e macchina nella fantascienza distopica degli ultimi due decenni
Mario Tirino, La galassia in una pupilla. Sociologia del tempo in Contact
Roberto Guerra, The Man-Machine

Roma, 20 2 2009 2017 Futurismo 100+8

di Roby Guerra -  Anniversario compleanno 108° per la più importante avanguardia italiana e non solo, ovvero il Futurismo di Marinetti, con il leggendario manifesto fondatore.  E continua l'interesse storico culturale per gli inventori dell'estetica scientifica con tacite celebrazioni di carattere soprattutto meramente celebrativo ma anche relativamente innovative, tra il centenario di Boccioni, mostre su Balla, la  nuova pubblicazione del Dizionario Aereo di Azari e Marinetti stesso, eccetera, saggi o contributi "revisionisti" vari.  Dopo la stagione eroica con capitale Milano, il futurismo continuò nella Capitale e tutt'oggi è Roma il centro propulsivo e aggiornato per l'avanguardia di Marinetti.  Se ogni nuovo contributo - diciamo - persino filologico- è il benvenuto e conferma la fine (anche se restano zoccoli duri attardati e ideologici nella sempre attardata cultura italiana) dell'incredibile negazionismo del secondo novecento, continua un negazionismo anche tra gli addetti ai lavori sul presente e il futuro prossimo già certificato dai nuovi futuristi viventi.  Ancora recentemente per il 70° anniversario della scomparsa di Marinetti, l'alta pubblicistica editoriale, Armando editore, casa editrice che lanciò Popper e McLuhan in Italia, quando imperversava sopravvalutata certa vulgata gramsciana (al di là di Gramsci che al contrario era a modo suo futurista con anche analisi sorprendenti live sul futurismo italiano)  il futurismo contemporaneo è stato certificato. A cura di Antonio Saccoccio, ricercatore ciberculturale di Tor Vergata Università, ancora giovane il primo a metà anni duemila a rilanciare il futurismo su Internet,  e del sottoscritto, poeta futurista dagli anni '80 e tra gli ultimi futuristi ancora del secolo scorso con gli stessi Antonio Fiore Ufagrà e un certo Vitaldo Conte, scrittore e critico d'arte oggi doc proprio sul nuovo futurismo (tutti di Roma tranne Guerra di Ferrara in Emilia), è uscito Marinetti 70. Sintesi della critica futurista che oggi sintetizza la revisione "scientifica" più autorevole per l'avanguardia di Marinetti e la sua in certo senso continuità.  Continuità culturale controcorrente  e controintuitiva, di grande importanza valoriale quando l'andazzo dei tempi segnala certamente la vittoria solo parziale del futurismo, in ambito soprattutto scientifico, mentre la dimensione estetica altrove e generale appare inquinata da manierismo e mercantilismo eccessivo e quella politico sociale economica  - come si sa- testimonia uno sconcertante nuovo medioevo se non neoprimitivismo incombenti.  Fu sempre Roma a memorizzare nel secondo novecento buio il futurismo ibernato che continuava aggiornato con la rivista Futurismo Oggi,  Enzo Benedetto, Luigi Tallarico e pochi altri.   Marinetti 70  ha coinvolto tra gli autori  anche i critici d'area stretta  più importanti, almeno parecchi.  Da G.B. Guerri a G. Agnese, a G. Di Genova, a G. Berghaus e P. Ceccagnoli, allo stesso  G. Carpi e diversi altri ben noti, ad esempio R. Campa, ad esempio P. Bruni (del Mibact), si veda elenco completo in fondo link.   Fu sempre Roma inoltre nel duemila a rilanciare mediaticamente il futurismo con il celebre blitz della Fontana Rossa (di Trevi) dell'artista futurista vivente  Graziano Cecchini, romano doc.  Insomma, mentre altrove,  l'implosione dei tempi, spesso  nega l'avvenire, al massimo copia e incolla soprattutto di un secolo d'avanguardia, il futurismo contemporaneo, erede  "diversamente minimale e "elettronico" del futurismo storico, canta digita ancora la memoria del futuro perduto da riformattare e downloadare in nome della rivoluzione informatica e scientifica contemporanea.   Nel panorama attuale segnaliamo in Italia  alcune eccezioni non a caso affini al futurismo, ovvero e sempre anche a Roma (oltre ad altre città italiane) oltre proprio al gruppo ormai microstorico degli stessi Saccoccio (fondatore) e Guerra e lo  stesso Conte, ovvero Netfuturismo (con contaminazioni neosituazioniste e neodada e neopop)....   il  Movimento Arte Vaporizzata di S. Balice e altri,   la fantascienza connettivista di S. Battisti ed altri.  Evidenziamo anche a altrove e a Milano,  tra un bordo teorico radicale sociale,  il cosiddetto transumanesimo futuribile dei vari R. Campa e S. Vaj (anche qua un romano  nell'area, l'architetto E. J. Pilia) e il  bordo squisitamente artistico del Metateismo neorinascimentale di D. Foschi.    

Qua e là nella penisola certamente altre astronavi dell'avanguardia,  tra musica o poesia elettronica, computer o net art, arte postcontemporanea, ma, media o non media, certa arte o certi storici dell'arte  sempre distratti o nichilistici autocompiaciuti o peggio esteticamente penosamente corretti, incredibilmente poco aggiornati e preda del solito io minimo  liquido dei tempi, se oggi ha un senso  ricordare il pluricentenario Manifesto di Marinetti (eufemismo visto che ancora le cronache di regime ci parlano di improbabili resurrezioni di certe aree politiche pseudoprogressiste),  ebbene, riassumendo, oltre a ricordare che non tutta Roma è quella miseria politichese che caratterizzano sempre le cronache, ma appunto Capitale del Nuovo Futurismo, la storia attuale dell'avanguardia italiana fondata da Marinetti  ha oggi una password oggettiva.  Appunto Marinetti 70. Sintesi della Critica Futurista.


INFO
http://www.armando.it/marinetti-70
www.armando.it
I futuristi, le avanguardie del Novecento raccontati in questa raccolta di saggi a cura di Roberto Guerra Antonio Saccoccio per Armando editore




sabato 11 febbraio 2017

‘Da Marx a Paperino’, la fine della sinistra secondo Roby Guerra | estense.com Ferrara

‘Da Marx a Paperino’, la fine della sinistra secondo Roby Guerra | estense.com Ferrara: E'uscito per i libri eBook Asino Rosso (Street Lib) “Da Marx a Paperino. La Fine della sinistra” del futurista ferrarese Roberto Guerra (alias Futurguerra, un poco come il futurista storico Giacomo Balla che si firmava Futurballa). eBook già segnalato sulla stampa web nazionale (MeteoWeb, La Notiziah25, Mav blog, oltre a Ferrara Italia).  Guerra completa una sua esplorazione di certo progressismo dopo lo stesso ancora recente saggistico Gramsci 2017 (Armando editore, Roma). Trattasi in questo caso di “...aforismi, futurismi per il XXI secolo, un inno non stop alla scienza contemporanea e alle sue, in ogni campo, nonostante gli ignavi, nuove rivoluzioni. Eppur si muove, eppur si ama, ma come un necessario rasoio di Occam. Per una divertente società scientifica prossimo ventura, edonistica e libertaria. Magari da e verso, oggi, un necessario e pragmatico futuro partito della scienza come ad esempio in Usa con il Transhumanist Party del noto futurologo Zoltan Istvan, anche candidato alle

domenica 29 gennaio 2017

Ferrara, Ludovico Ariosto 500 years after : Davide Foschi interview

fonte Blasting News UK

di R. Guerra


estratto

.........

From Ariosto to the future

BN- Ludovico Ariosto's Orlando Furioso, masterpieces of the Italian and International Renaissance: after 500 years the Renaissance starts today from Milan?

Davide Foschi: "From Italy, land of Dante, Ariosto and Petrarca, Leonardo, Raffaello and Michelangelo, a breath of new air is coming. It all started several years ago: firstly with my personal artistic activities geared to the recovery of the true sense of Art Origins. ...................

The New Renaissance has now spread not only in Italy, which has officially started in Milano in 2016 on the occasion of the Festival of New Renaissance but in many states in the world where you recognize these neohumanistic principles. From Ariosto celebrations to the five hundredth anniversary of the death of Leonardo - a new man is possible".


 ...........

BLASTING NEWS UK

mercoledì 18 gennaio 2017

Roby guerra omaggia il “piccolo principe alieno” | estense.com Ferrara

Roby guerra omaggia il “piccolo principe alieno” | estense.com Ferrara: E' online da ieri su YouTube il trailer 'Il Piccolo Principe Alieno', videopoesia del futurista ferrarese Roby Guerra per la sua ultima raccolta antologica completa, Fiori della Scienza XXX (1985-2015), uscito circa un anno fa per La Carmelina edizioni. Il trailer è dedicato ai celebri alieni di Andrea Amaducci, ripresi in una certa area della città e combinati con immagini elettroniche e con musica di Giorgio Felloni. Più in generale è un omaggio di Guerra, scrittore estremo sperimentale (recentemente autore anche del trailer per l'ultimo libro di Vitaldo Conte 'Arte Ultima' (Avanguardia 21) e presentato a Roma per l'evento Ritual Fest Art), all''Alieno' Amaducci, visto come la punta oggi più avanzata dell'avanguardia futuribile ferrarese e non solo, come da Guerra stesso scritto recentemente sul magazine internazionale Blasting News per il Presepe ultimo natalizio di Amaducci, controculturale e provocatorio.

martedì 17 gennaio 2017

Roma, Roby Guerra, "Da Marx a Paperino..."

fonte La Notiziah24


dicembre 21, 2016 • Cultura e Spettacolo

Per libri Asino Rosso/Street Lib è appena uscito (eBook) “Da Marx a Paperino…” di Roby Guerra, futurista contemporaneo e del gruppo romano Netfuturismo a cura dell’oltreartista e ricercatore ciberculturale Antonio Saccoccio. Co-curatore con quest’ultimo di Marinetti 70. Sintesi della critica futurista (Armando editore, Roma, 2015).

” Aforismi, futurismi per il XXI secolo, un inno non stop alla scienza contemporanea e alle sue, in ogni campo, nonostante gli ignavi, nuove rivoluzioni. Eppur si muove, eppur si ama, ma come un necessario rasoio di Occam. Per una divertente società scientifica prossimo ventura, edonistica e libertaria. Magari da e verso, oggi, un necessario e pragmatico futuro partito della scienza”

Opera di forte matrice nietzschiana, fin dalla cifra poetica aforistica, incendiaria e controculturale, ispirata anche dall’umanesimo scientifico radicale e persino dal Transhumanist Party del futurologo americano Zoltan Istvan, il primo Science Party in assoluto lanciato nelle recenti presidenziali  Usa del 2016 (Istvan candidato outsider con un forte media boom segnalato anche in Europa ed Italia, da testate quali Huffington Post e La Stampa, ecc.)


*Alcuni aforismi: FUTURISMO

Il Futuro è sempre terrificante per gli spiriti pavidi, incapaci di abbandonare le comode (?) radici, venerate (???) come catene: ma sono Catene…e le chiavi fuse per sempre!

Il Futuro non è l’ignoto, il buio, ma il destino della luce che vuole nascere e brillare.

Il Futuro è il tempo della libertà, il presente del riposo, il passato della schiavitù, dorata o di pietra poco importa.

La Scienza scopre l’avvenire, i poeti lo immaginano, la gente fugge il domani: per lo scienziato il Futuro è l’universo svelato, per il Poeta la sconfitta degli Dei, per la gente la mera morte biologica dei propri atomi inerti!

Il rifiuto del Futuro è il rifiuto o la negazione della vita: come il bambino, un neonato, è sempre il fato del DNA, così i padri di ogni Chiesa (dalla famiglia alla “scienza”) odiano l’avvenire!

I fanciulli di ogni generazione sono biologicamente superiori a Padri e Madri: i primi sono nutriti dall’evoluzione, l’istinto di vita, gli uni e le altre raramente sfuggono all’istinto di morte che li spinge ad insegnare non ampi e creativi orizzonti, ma stretti confessionali per frenare l’evoluzione stessa della specie.

Il Grande Passato è il Futuro possibile ucciso in ogni epoca dal passatismo di Padri e Madri, Preti e Principi, Democratici e Femministe.

L’epoca moderna, per prima, afferma il diritto del Futuro, ma finora i democratici eleggono sempre i gamberi!

Ciarlatani come Nostradamus o i profeti, auguri…aruspici e indovini (antichi!) sono più moderni di Aristotele, San Tommaso o dotti noiosi come Roussau, Hegel e Kant fino ai Guru no global! ..: gli uni, pur errando allenano alla salutare ginnastica del Futuro, gli altri atrofizzano semplicemente il cervello.

Nel XX secolo, dopo Nietzsche, geni come Pierre Tehilard de Chardin, Marshall McLuhan, Paul Feyarabend, Marvin Minsky e Stephen Hawking “educano” con entusiasmo al Futuro: altri Padri della Chiesa pretesa Scienza, come… ad esempio i Politìci del pianeta Terra…forgiano – ancora- le catene per gli autentici uomini dell’avvenire.

 

Info

http://lanotiziah24.com/2016/12/roma-da-marx-a-paperino-di-roby-guerra/

https://www.amazon.com/Marx-Paperino-della-sinistra-Italian-ebook/dp/B01N54382G



Roberto Guerra