mercoledì 30 dicembre 2015

Fiori della scienza, da 30 anni la Poesia futurista dinamite 2.0 di Roby Guerra

 *rassegna stampa nazionale
http://www.meteoweb.eu/2015/12/poesia-e-scienza-i-fiori-della-scienza-di-roby-guerra/547642/

http://estropico.blogspot.com/2015/12/letture-fiori-della-scienza-di-roby.html#ixzz3vfDNV5vy

http://www.barbadillo.it/51281-lintervista-guerra-se-la-poesia-neofuturista-si-salda-con-immaginario-scientifico/

http://movimentoartevaporizzata.blogspot.it/2015/12/intervista-fiori-della-scienza.html

http://www.ibs.it/ebook/Guerra-Roby/Fiori-della-Scienza/9788899365059.html


E' uscito Fiori della Scienza XXX, ebook (La Carmelina) opere poetiche futuriste complete (1985-2015 di Roberto o Roby Guerra, attivista del transumanesimo futurologico e tra i   promotori del futurismo italiano contemporaneo con gli stessi Saccoccio, Campa, Vaj, Cecchini, Conte, Paris, Cattaneo, Vaj, Giovannini, R.  Roversi, S. Forty,   a cui il libro è anche dedicato. E' un inno poetico  all'immaginario scientifico, all'era elettronica ieri nascente, oggi conclamata; ma non solo Marinetti, anche reinvenzioni poeti maudit 2.0, da Rimbaud a Baudelaire (il link titolo evocativo), finanche il cyberpunk radicale, da Borroughs a  P.K. Dick a Gibson, Sterling,  Sawyer,  Devo e Kraftwerk... : non a caso l'e-Book è già stato segnalato da Meteo Web testata di divulgazione scientifica e dal blog transumanista Estropico, oltre a interviste  a Guerra a cura di L. Siniscalco su Barbadillo, noto magazine antagonista e dello stesso Saccoccio del  blog MAV, gruppo  tecnoanarchico.  Da segnalare l'inedito Lotta amata x il futurismo dedicato a Zoltan Istvan, futurista americano e del 1985 circa  una poesia scritta (tradotta....) anche in linguaggio binario: Ninna Nanna Robot di Marinetti/Nuovo Umanesimo scientifico;  il video trailer promo su YouTube, Poesie elettroniche, è un tributo al poeta futurista storico Corrado Govoni, ferrarese, per il 50* anniversario. link clip

mercoledì 23 dicembre 2015

DeSTrUtTuRaLiSmO : David Bowie Blackstar©

DeSTrUtTuRaLiSmO : David Bowie Blackstar©: Di Roby Guerra© Se già il video trailer Where are you going? , dell'album omonimo segnalava ancora un grande David Bowie, i...  https://www.youtube.com/watch?v=kszLwBaC4Sw

mercoledì 4 novembre 2015

Manifesto futurista per Zoltan Istvan

di Roby Guerra
da BLASTING NEWS

ESTRATTO
......

Il manifesto dei letterati futuristi

Il manifesto italiano approva essenzialmente il programma politico-culturale-scientifico del Transhumanist Party di Istvan. I firmatari sono chi scrive, A. Saccoccio, co-curatore di Marinetti 70 (la revisione critica  sul futurismo italiano, forse, più aggiornata attualmente), P. Bruni del MIBACT (Ministero dei Beni Culturali), Emmanuele Pilia, dirigente transumanista. Completano le firme: la pittrice d'avanguardia G. Parisi, lo scrittore di fantascienza S. Battisti, il filosofo C. Rocchio, gli intellettuali geopolitici L. Barbieri. P. Casalino, R. Galante. Come scritto nel manifesto: "A nome del futurismo italiano contemporaneo, da tempo sinergico al Movimento transumanista, dichiariamo la nostra  adesione a Zoltan Istvan e al suo Transhumanist Party americano, promosso con grande azione e efficacia mediatica".


CONTINUA ARTICOLO COMPLETO  BLASTING NEWS


INFO ULTERIORI ESTROPICO


Futuristi italiani per Zoltan Istvan alla Casa Bianca


L'altro giorno ho dato il mio "verdetto" personale sulla candidatura alle presidenziali USA di Istvan Zoltan (Un transumanista alla Casa Bianca? Pro e contro), ma ci sono tante opinioni al proposito quanti sono i transumanisti... La petizione anti-Istvan citata nel link qui sopra e' ad un estremo, io mi considero un osservatore interessato, in parte critico ma sostanzialmente non schierato, e all'altro estremo ci sono le adesioni entusiaste, come quella che segnalo oggi, sul blog di Roberto Guerra (il quale ha recentemente intervistato Istvan): 2016 Manifesto transumanista The Italian Futurism per Zoltan Istvan




Manifesto per Zoltan Istvan "The Italian Futurism" candidato presidenziale Usa 2016

  


2016 Manifesto transumanista The Italian Futurism per Zoltan Istvan

Zoltan is Message and Massage

A nome del futurismo italiano contemporaneo (Literary group), da tempo (Transvision 2010, Milano) sinergico al Movimento transumanista, dichiariamo senza se e senza ma, la nostra totale adesione a Zoltan Istvan e al suo Transhumanist Party americano da Istvan lanciato e promosso con grande azione e efficacia mediatica. Parafrasando il celebre slogan di Marshall McLuhan e lo stesso suo erede netculturale Derrick de Kerckhove, Zoltan is Message (and Massage) rispondiamo cosi alle gravi gaffe di certo transumanesimo internazionale e inglese nello specifico scesi incredibilmente in campo in questi giorni contro Zoltan candidato alle presidenziali Usa 2016 con una petizione e-o con un "manifesto "del Partito Transumanista inglese. Non si tratta di diversità di opioni legittime all'interno del Movimento, ma di dinamiche politichesi che noi italiani purtroppo conosciamo benissimo, un copione tipico dei partiti italiani quasi sempre passatisti, tranne in Italia l'eccezione recente del Movimento5Stelle di Beppe Grillo (almeno parzialmente e movimento del web ancora primitivo....). Fossero state solo diversità di opinioni rispetto al programma del Transhumanist Party americano di Zoltan Istvan, i transumanisti "antitransumanisti" nella querelle in sé.. non avrebbero promosso una petizione, nè scritto 1"manifesto" inglese esplicitamente contro Zoltan Istvan: 1. Si sarebbero limitati a comunicare critiche e diversità di opinione 2. Né il Partito Transumanista inglese avrebbe rivendicato la sua natura tradizionale partitica ufficiale (registrato) contro la scelta invece progressista e rivoluzionaria 2.0 movimentista di Zoltan Istvan. 3. Avrebbero confermato esplicitamente il consenso al Transhumanist Party americano e a Zoltan Istvan come candidato presidenziale Usa 2016. Come infatti dichiariamo noi con questo nostro Contro-Manifesto italiano. Naturalmente, tanto per essere chiarissimi e veramente multitasking democratici sia i firmatari transumanisti della petizione che il Partito Transumanista inglese in sé restano espressioni importanti nel movimento internazionale sul piano culturale e scientifico. Tuttavia: Sia la petizione che il manifesto inglese sono - riassumendo- gravi gaffe mediatiche politiche e espressione di regressione politichese. Istvan ha già spiegato a una nostra intervista (di R. Guerra) il numero molto ridotto delle firme dei petizionisti, quindi non interessante per un dibattito, a campagna presidenziale in corso! ( Roba da dilettanti della politica sia la Petizione sia il Manifesto inglese!!!).Ripetiamo Zoltan is Message and Massage! (3.0).

2016 Transhumanism Manifest  

The Italian Futurism for Zoltan Istvan: Zoltan is Message and Massage*

(translate-traduzione di R. Galante)


In the name of Italian Futurism (literary group), since long time really (Transvision 2010, Milano)
synergetic to  Transhumanist Movement, are declaring  without any doubt, our total an unconditionated adhesion to American  Transhumanist Party and his great leader Istvan Zoltan promoted with a very effective mediatic campaign . Paraphrasing the most famous slogan of Marshall McLuhan, and his own  net-cultural successor Derrick de Kerckhove: "Zoltan is Message (and Massage)". So Zoltan is Message (and Massage) We wish answer in this way to certain International and especially english Transhumanism which  in these days are taking  position   against  Zoltan candidate for President in  USA Elections  2016 with a petition and an official  "manifest "of English Transhumanist Party.  The problem is which isn't a question of   different opinion in Transhumanist movement, but unfortunately there are political dynamics and polemics which We, as Italians , known very well  , typical of passatist parties and istitutions, except maybe partially,  Five Stars Movement of Comedian  Beppe Grillo (.and movement of the web still primitive ...). In fact if there were only some divergence rather American Transhumanist Party of  Zoltan Istvan, transhumanists "antitranshumanists"  wouldn't promoted a petition , or wrote an specific English "manifest" against Zoltan : 1. Instead they would be limited themselves to comunicate their critics and divergences 2. Then English Transhumanist Party wouldn't revenged his traditional structure (registered) against the brave and revolutionary 2.0  choice   Zoltan's Istvan movement. 3. Then they would had manifested agreement of program of American Transhumanist Party and confirmed their sustain of Zoltan Istvan for President in   USA Elections 2016. As We are brightly declaring in our Italian Counter-Manifest. Naturally, for extreme exigency of transparence and really multitasking democratic in Transhumanist International Movement all voices ,included those of people which signed a petition and all others which manifested their doubts, throw the English Transhumanist Manifest, about the presidential candidature in USA Elections 2016 of Zoltan, remained valid and  over the cultural e scientific levels. By the way, in order of our opinion, petition and English manifest are simply relevant politic and mediatic errors caused from an old nasty and harmful political practice. In favor of this thesis, Istvan has explained during an interview (by R. Guerra) the number very tiny of petition subscribers, absolutely not interesting and relevant in debate about a very important political elections (So both, the English petition and manifest are real political novices  proof!!!).
We will repeat Zoltan is Message and Massage! (3.0).

Roby Guerra, writer and blogger

(InfoMinimum http://futurguerra.blospot.com

Futurismo e Transumanesimo. La Poetica di Internet (La Carmelina)

http://www.meteoweb.eu/2014/09/fenomeno-transumanista/321901/

Transvision 2010 Milan

https://transvision2010.wordpress.com/2010/07/28/transvision-2010-toward-scientific-futurism/
Lorenzo Barbieri writer and sociologist

(InfoMinimum

con Barroso (Unione Europea)

http://www.estense.com/?p=242966

AA.VV. Non aver paura di dire (tra gli autori Roberto Pazzi, Pierfranco Bruni, Marco Vannini...)(La Carmelina)

http://www.academia.edu/14664041/Estratto_da_Non_aver_paura_di_dire..._
Pierfranco Bruni writer and director archaeologist *del MIBACT (Ministero Italiano Beni Culturali)
(InfoMinimum https://it.wikipedia.org/wiki/Pierfranco_Bruni)
http://pierfrancobruni.weebly.com/pierfranco-bruni-candidato-nobel-letteratura.html

Sandro Battisti science fiction writer

(InfoMinimum https://it.wikipedia.org/wiki/Sandro_Battisti
Antonio Saccoccio writer and netfuturist
(InfoMinimum http:liberidallaforma.blogspot.com
RAI TRE https://www.youtube.com/watch?v=Jn35JG0NJIw
Marinetti 70 http://www.armando.it/marinetti-70
Emmanuele Pilia architect and curator ALTA laboratory transarchitettura
(InfoMinimum https://piliaemmanuele.wordpress.com/
Giancarla Parisi Contemporary Artist
(InfoMinimum http://giancarlaparisi.it/menu.htm
Manifesto dell'arte transumanista (Italian and english)
http://futurismo2000.blogspot.it/2015/09/the-italian-art-transhumanist-manifesto.html
Cristiano Rocchio writer and philosopher
(InfoMinimum http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/autori.html?auth-id=239079

AA.VV. Posthuman Time.. (La Carmelina, 2015)

http://www.meteoweb.eu/2015/09/posthuman-time-il-futuro-e-presente-unanalisi-sui-tempi-nascenti-alla-luce-delle-nuove-tecnologie/502270/
La ribellione umanistica (Aracne)
http://www.aracneeditrice.it/pdf/9788854875210.pdf
Pierluigi Casalino writer
(InfoMinimum Futurismo arabo https://www.bookrepublic.it/book/9788896437865-futurismo-magico/)
Islam donne e modernità http://oubliettemagazine.com/2014/02/01/dopo-la-primavera-araba-islam-donne-e-modernita-saggio-di-pierluigi-casalino/
Raimondo Galante writer
(InfoMinimum Saggio su Guy Debord http://www.tracce.org/GalanteRaimondo.html

https://filomatiroma.wordpress.com/2013/04/19/conferenze-romane-af/



lunedì 17 agosto 2015

La Singolarità Tecnologica è già cominciata?

da Blasting News

 di Roby Guerra articoli Blasting News

(estratto) 

Google di Larry Page diventa Alphabet

Verso la Singolarità Tecnologica prevista da Raymond Kurzweil, o è già successo?

Il più celebre è Raymond Kurzweil, futurologo, collaboratore di Larry Page (Google) e la Nasa, famoso per la teoria della Singolarità Tecnologica: l'evoluzione del Web, forse entro la metà del secolo generarà una Rete cosciente e senziente.Come in molta fantascienza: la recente trilogia di Robert J. Sawyer con Webmind; scienziati radicali come P. Teilhard Chardin e la sua visione della Noosfera, Nick Bostrom e la sua teoria del nostro stesso mondo, generato da un Super Dio programmatore universale elettronico......

continua Blasting News

Google, Alfabeth, verso la Supercoscienza di Internet - Alla luce della della storia della conoscenza scientifica, tale evento mutante, pur assai contestato, risulta probabile.

 

Futurismo per la nuova umanità.... Teilhard de Chardin segnalazioni

 

INSTITUTO HUMATINAS UNISOS 
 
 di Luciano Mazzoni Benoni, vice-presidente da Associação Italiana Teilhard de Chardin


 

Teilhard de Chardin, místico da matéria




...."No campo do debate, sempre aberto, entre fé e ciência: comentando O futuro do homem de Pierre Teilhard de Chardin, Roberto Guerra (Futurismo per la nuova umanità. Dopo Marinetti, Ed. Armando, 2012) escreve: "Einstein já sonhava com uma nova religiosidade cósmica, para além das ambiguidades literais e históricas de todo Credo, certamente necessidade legítima de devoção, mas depois da Ciência: mais recentemente, figuras como C. G. Jung, N. Wiener (Dio & Golem...), E. Fromm, M. McLuhan, J. Guitton, F. Capra, muitos cientistas e os próprios físicos (em relação ao Big Bang, as perguntas "metafísicas" parecem "fatais"), na Itália, o próprio A. Zichichi, até mesmo teólogos, assinalam perspectivas de reflexão (senão, talvez, até de insuspeitas explorações científicas) no sentido de uma possível metassíntese entre Ciência e Deus (...) Para a atual geração da internet e na era da informática, talvez a figura histórica mais célebre – em debates em curso constantemente – seja precisamente o filósofo paleontólogo jesuíta Pierre Teilhard de Chardin, considerado praticamente um precursor, até mesmo desconcertante, da Rede. A chamada Netsfera é muitas vezes comparada à Noosfera prevista pelo grande cientista místico. E especificamente: paradoxalmente, no século XX, o mais genial voo poético no futuro, síntese extraordinária entre a tradição cristã e o futurismo modernista, talvez tenha o nome do padre Pierre Teilhard de Chardin, cientista e jesuíta (...) As mais recentes descobertas científicas (sobretudo em física e matemática, mas também na genética e na tecnologia, além das viagens espaciais e da internet (...) a Rede por ele adivinhada como Noosfera) evidenciam atualmente as intuições sensacionais de Teilhard, quase como – também – uma espécie de obras-primas da arte sacra renascentista ou tardo-medieval em versão científica ou computadorizada! (...) Em suma, a obra de Teilhard parece ser maravilhosa no seu impulso futurista de longo prazo, também pela sua formação aparentemente conservadora, religiosa: Teilhard praticamente traduziu em chave científica – em nome de Jesus e, portanto, do Ocidente – o celebérrimo poema místico-cósmico do Cântico dos Cânticos"!"

In Italiano 

 PARMA REPORTER

6 GIUGNO 2015

TEILHARD DE CHARDIN sacerdote del mondo mistico della materia

 di Luciano Mazzoni Benoni

  Sul terreno del confronto, sempre aperto, tra fede e scienza: commentando “L’avvenire dell’uomo” di Pierre Teilhard de Chardin (ripubblicato da Jacabook) Roberto Guerra (Futurismo per la nuova umanità. Dopo Marinetti, Armando, 2012) scrive: “Già Einstein sognava una nuova religiosità cosmica, oltre le ambiguità letterali e storiche di ogni Credo, certo legittimo bisogno di devozione, ma dopo la Scienza: Più relativamente recentemente, figure come C. G. Jung, N. Wiener (Dio &Golem…), E. Fromm, M. McLuhan J. Guitton, F. Capra, molti scienziati e fisici stessi (verso il Big Bang le domande “metafisiche” sembrano “fatali”), in Italia lo stesso A. Zichichi, anche teologi, segnalano prospettive di riflessione (se non forse anche insospettate esplorazioni scientifiche) verso una possibile metasintesi tra Scienza e Dio … Per l’attuale generazione di Internet e nell’era informatica, forse la figura già storica” più celebre, dibattiti in corso costantemente, è appunto il filosofo paleontologo gesuita Pierre Teilhard de Chardin, considerato praticamente un precursore, anche sconcertante, della Rete. La cosiddetta Netsfera è spesso paragonata alla Noosfera prevista dal grande scienziato mistico. E nello specifico: paradossalmente, nel novecento, il più geniale volo poetico nel futuro, sintesi straordinaria tra la tradizione cristiana e il futurismo modernista, forse ha il nome di Padre Pierre Teilhard de Chardin, scienziato e gesuita… Le più recenti scoperte scientifiche (soprattutto in fisica e matematica ma pure nella genetica e nella tecnologia, oltre ai viaggi spaziali e ad… Internet… la Rete da lui divinata come Noosfera!) evidenziano attualmente le intuizioni clamorose di Teilhard, quasi – pure -una sorta di capolavori dell’arte sacra rinascimentale o tardomedievale in versione scientifica o computerizzata!… In breve, l’opera di Teilhard appare meravigliosa nel suo slancio futuribile a lungo termine, anche per la sua formazione apparentemente conservatrice, religiosa: Teilhard ha praticamente tradotto in chiave scientifica – nel nome di Gesù e quindi dell’Occidente…- il celeberrimo poema mistico-cosmico Il Cantico dei Cantici !”

Paperinetti recensione La Notiziah24


paperinetti

Roma, Roby Guerra lancia Paperinetti

giugno 23, 2015 • Cultura e Spettacolo
Nella raccolta collettiva di Fiabe  “Racconti di Stelle alla Luna”, appena edito a cura del Centro Culturale Arianna di Napoli, nello specifico della pittrice Vanessa Pignalosa e dello scrittore Lorenzo Basile, (edizioni Viva Liber. Vedi link in fondo elenco completo autori e info), tra gli autori, da tutta Italia, anche il futurista Roby o Roberto Guerra- Lo scrittore  ben noto anche a Roma Capitale (pubblica con Armando editore e membro dei gruppi d’ avanguardia Netfuturismo, Movimento Arte Vaporizzata e Nuova Oggettività), ha edito nella raccolta,  la fiaba Paperinetti…  un racconto breve che mixa idealmente due dei grandi “maestri” dichiarati dell’eclettico poeta e saggista, ovvero Marinetti, fondatore del futurismo, e …Paperino, l’eroe disneyano.

Nel racconto,  Paperinetti ( personaggio già apparso nella produzione video del ferrarese con un clip anche presentato a The Scientist Video Festival 2008),  ovvero un papero robot, è protagonista come incitatore all’ozio e alla poesia futura grazie ad un mondo progranmmato da macchine intelligenti capaci di liberare i bambini (e anche gli adulti) dalla preistoria totalitaria del Mondo del Lavoro alienato. Insomma una favola per bambini, ma bambini del futuro….
IO PAPERINETTI Gli psicologi dell’infanzia s’inchinarono commossi davanti al primordiale cartoons (così li chiamavano); robot psicologi e cantastelle confermarono l’esperimento tecnomagico affettivo, il viaggio azzurro di Alice e la macchina rosa di Asimov si rivelavano già dimostrati da un Papero virtuale, secoli e secoli fa…Fu l’idolo nell’era atomica per generazioni e generazioni di bambini ed adolescenti ribelli: Donald Duck o Paperino, nemico acerrimo del demone Lavoro, calciatore dell’Ozio e della Corsa Onirica, nonché inventore dei materassi permaflex a sogni integrati e dell’astroamaca per dormire in sintonia con le 4 stagioni del Pianeta Terra. Quel Papero-genio diffuse il giovane Sole del Futuro attraverso una sorta di giocattoli a fumetti o disegni animati quasi clandestini, apparentemente innocui, roba per ragazzi.., gli Adulti ultrapelosi lo prendevano in giro , invece…angelicamente programmati dall’Hacker di 7 anni marziani Walt Disney, fondatore delle attuali Play-Station-City… Paperopoli e Topolinia. Paperino… passeggiava come superspia con Peter Pan e il Monello e tutti i bambini visionari di tutti i tempi. Donald Duck – alias Paperino – fu il folletto più divertente per tutti i computer del Mondo stanco e malato ridotti a servitù dalle forze delle Scimmie che avevano sostituito gli uomini nel bruttissimo XX/XXI secolo Orchi e Arpie di ferro che oggi condanniamo all’unanimità (compresa l’ONSU, l’antica ONU): avevano chiuso per 100 +100 anni interi tutta la Fantasia in una lampada di Aladino modificata. Si erano mangiati tutti i fiori e i sogni e i desideri e obbligavano tutti i bambini del mondo a lavorare per alimentare la catena meccanica perpetua. Proibito era guardare verso il cielo e vedere i cristalli luminosi splendenti la notte.Come detto, fu un certo Asimov, il primo dei cantastelle a immaginare parallelamente un mondo del Lavoro futuro pilotato da Robot e Macchine ma con il Cuore per liberare la Razza Umana dal sortilegio delle lacrime e le cicatrici di sudore perenni. Poi, altrove, una fanciulla considerata immaginaria e una strega giovane come Grethel , cominciò a raccontare danzando senza parole di un’altra Informagica , senza saperlo formula viva per la nostra Corsa Onirica! Hansel, Robbie robottino, Harry P. e ET la scoprirono ma non capivano come farla emofunzionare.Ma fu Paperino – alias Donald Duck -che oggi chiamiamo Paperinetti! con la sua forza onirica che oggi chiamiamo Paperina – la sua bambina innamorata che innestò nei cuori degli automi umani la mutazione incantata. Ad un certo punto, ad una certa piuma… persino Rockerduck e Capitan Uncino, i Salvadanai delle Arpie e degli Orchi si vergognarono delle loro complicità con quei Gorillacci industriali: la meditazione e l’amore di Donald Duck per Paperina … era invece rivoluzionario!Ora, finalmente tutto il Sistema Solare (compresa l’Organizzazione delle Nazioni Solari Unite…) potrà godere i pochi minuti di filmato che la Storia,i ci ha permesso fortunatamente di ritrovare (uno stranissimo chip film reperto che va anche alla rovescia). You love you Paperino!



INFO
6 GIUGNO SARNO (Salerno)
Presentazione del libro di fiabe “Racconti di stelle alla luna”
http://allevents.in/events/racconti-di-stelle-alla-luna/1544983182404936#
5 LUGLIO POZZUOLI  (NAPOLI)
http://napoli.repubblica.it/cronaca/2015/06/17/news/a_pozzuoli_la_mostra_dialoghi_culture_a_confronto_-117089810/

Futurismo per la nuova umanità live set per Autori a Corte 2015, Ferrara







Estense com

Una piccola maratona di letture mercoledì 8 luglio per la rassegna Autori a Corte 2015 svoltasi all’interno di un Giardino delle Duchesse quasi stracolmo durante tutta la serata.
L’attesa era tutta per Marcello Simoni, “l’uomo da un milione di copie” così definito da Marco Zavagli, moderatore dell’incontro e direttore di Estense.com. Salito sul palco fra gli applausi Simoni ha snocciolato pillole di sapere per inaugurare la lunga fila di presentazioni che lo porterà un po’ in ogni città italiana con “L’abbazia dei cento delitti”(Newton Compton editore) sua ultima fatica e libro già in vetta alle vendite a meno di una settimana dalla sua uscita.
Per lui, a fine serata un’infinita fila di lettori in procinto di ricevere la dedica con un Simoni sempre gentilissimo e disponibilissimo con tutti.
La serata è iniziata alle 19,45 e inframmezzate dalle sempre gradite degustazioni gratuite delle Ditte Panificio Dellepiane e Azienda Vinicola Zanatta. Si sono alternati sul palco: Roberto Guerra con una performance futurista per la presentazione del suo volume Futurismo per la nuova umanità (Armando Editore). Guerra, dopo anni di polemiche a tutto tondo ha trovato la sua riappacificazione con la città ricevendo i complimenti anche del sindaco Tiziano Tagliani presente alla serata.
........
Lo spazio outsider è stata una vera rivelazione per il pubblico ferarrese, la presentazione de Il sangue dei Sibillini (Capponi Editore) di Francesco Eleuteri ha portato alla ribalta un autore istrionico e capace che ha ammaliato la vasta platea con un fiume di parole.

domenica 10 maggio 2015

Zoltan Istvan interview: Transhumanist Party


 

hPlus magazine  Usa

Meteoweb





The Transhumanist Party: intervista a Zoltan Istvan, candidato presidenziale Usa 2016: Per un partito della scienza? a cura /intervista di Roberto Guerra (inglese e italiano, traduzione di R.G.)


*(Wikipedia) … Zoltan Istvan è uno scrittore americano, futurista, e filosofo transumanista, ha collaborato e scrive per Psychology Today [4] “Transhumanist Futuro, National Geographic The Huffington Post.Egli è l’autore di The Transhumanist Wager, E’ candidato come Indipendente e con il neonato Partito Transhumanist alle presidenziali degli Stati Uniti, 2016
D- Zoltan, Transhumanist Party, un partito di / dalla scienza?
R -Il Partito transumanista è un’organizzazione politica che mira a mettere, innestare, programmare la tecnologia, la salute, e la scienza in prima linea nella politica degli Stati Uniti. Siamo il primo partito politico di matrice strettamente scientifica, “vera scienza”, negli Stati Uniti.
D- Zoltan, la conoscenza è il cibo mentale … per il nuovo uomo degli anni 2000?
R- Il nuovo modo essenziale per gli esseri umani di andare avanti e progredire è per via cyborgism, dove si integrano creativamente parti della macchina con il corpo umano. Tale fusione.. . potrebbe includere cuori robotici, arti artificiali e cuffie per leggere la mente. Queste sono le nuove tecnologie che andranno a caratterizzare l’uomo moderno che si muove in avanti, nel/dal futuro.
D- Zoltan, Stati Uniti del mondo, progetto o utopia?
R- L’obiettivo del partito Transhumanist e il mio obiettivo personale è quello di creare un mondo con una mente-coscienza transumanista Vogliamo che tutti abbraccino il transumanesimo. Vogliamo che tutti vogliano liberamente migliorare se stessi con la tecnologia. Questo può sembrare che ci stiamo battendo per un’utopia, e in effetti, è vero. Noi “siamo” l’utopia del(dal presente. Vogliamo creare un mondo perfetto.
D- Zoltan, Più nello specifico e pragrmaticamente: quali le politiche in programma del nuovo Partito Transhumanist?
R – Oltre a sostenere i valori americani, la prosperità e la sicurezza, le tre cose principali che vorrei fare se diventerò presidente… sono:
1) Cercare di fare tutto il possibile per fare in modo che scienziati e tecnologi creativi americani dispongano di risorse per superare la morte umana e l’invecchiamento entro 15-20 anni – un obiettivo che con un numero crescente di scienziati leader e nelle stanze dei bottoni credo sia raggiungibile.
2) Creare una mentalità culturale in America, per promuovere la produzione di tecnologia radicale e la scienza : è nel migliore interesse della nostra nazione e specie.
3) Creazione di garanzie e programmi che proteggano le persone contro la tecnologia abusiva e altri pericoli planetari possibili che potremmo affrontare durante la transizione verso l’era transumanista americana, nazionali e globali.
INFO

Marinetti e il Futurismo? Cuore+cervello+libertà


FERRARA ITALIA, 25 gennaio 2015

di R. Dalbuoni

 intervista a Roberto Guerra

“Il nuovo futurismo ha cuore, cervello e libertà”


Roberto Guerra, poeta futurista, futurologo e blogger, attivo tra Ferrara e l’Italia dagli anni Ottanta, è curatore, assieme a Antonio Saccoccio, di “Marinetti 70. Sintesi della critica futurista” (Armando, Roma, 2015), un testo che a settant’anni dalla morte di Marinetti, ma a un secolo di distanza dalla nascita del futurismo, ripensa alla figura chiave del movimento attraverso una raccolta di saggi e approfondimenti curati, appunto, da Guerra e Saccoccio.

I futuristi precursori e innovatori, cibernauti ante litteram e promotori di un nuovo gusto estetico, ma anche di un nuovo umanesimo fiducioso della creatività dell’uomo in tutti i suoi campi, dalla macchina alla pubblicità, come sono interpretati oggi nel 2015?

“Marinetti 70″ sintetizza l’attuale livello critico e operativo. Analisi eclettiche tra i bordi della storia dell’arte e del nuovo futurismo operativo: da un lato il paradigma strettamente estetico o estetico sociale, come gli interventi di Di Genova, Duranti, Prampolini, Ceccagnoli, Antonucci, la Barbi Marinetti, oppure Crispolti, Tallarico, Valesio, Conte, Bruni, dall’altro paradigmi dopo la scienza e internet. In ogni caso come fare anima o ‘brain’ nel mondo computer, registro di sistema condiviso, più o meno, da tutti gli autori.
Il futur-ibile di Marinetti potrebbe coincidere con il nostro virtuale? Intendendo virtuale come qualcosa che nasce dalla virtus e che qui ha la forza per diventare qualcosa…
I contributi dei vari Berghaus, Cigliana, Hajek, Carpi, Campa, Saccoccio in particolare per il focus italiano, rispondono verosimilmente. Noi futuristi o futuribili oggi parliamo di immaginario tecnologico, sistema operativo al passo con il divenire della conoscenza, forza di scienza controintuitiva rispetto all’infame buon senso ancora dominante, infatti il mondo è in crisi, per radicali cambiamenti sociali. Oltre lo shock del futuro o il complesso di Frankenstein, per dirla con Toffler e Asimov, se si vuole un umanesimo, anche post, estetico-scientifico del ventunesimo secolo.
Superando i travisamenti che ci sono stati della filosofia futurista che, in maniera riduttiva, hanno spesso equiparato i futuristi alla macchina, come possiamo spiegare la ‘sensibilità’ futurista verso un futuro desiderabile?
La macchina e i computer sono nuovi simboli della rivoluzione scientifica, industriale, informatica. Nell’Ottocento emersero Liberalismo, Socialismo e Positivismo, i primi due, storicamente dominanti, non funzionano più. Noi ripartiamo dal Positivismo ovviamente dopo l’evoluzione umanista della scienza contemporanea, da Einstein e Russell a Popper e Kurzweil. Oltre l’ideologismo storico, sottolinea con volontà di bellezza Giordano Bruno Guerri (altro celebre autore nel volume), con cuore-cervello-libertà… il sottoscritto.
Sappiamo che la pubblicità è legata ai futuristi. Lasciando da parte il marketing, com’è cambiato il messaggio pubblicitario che da espresssione di un movimento culturale, artistico e filosofico si è fatto, in certi casi, più ‘sensoriale’ ed ‘evocativo’? Penso alle pubblicità mute delle auto o dei profumi dove nessuna voce ci sta spiegando il prodotto, ma noi vediamo immagini o sentiamo una musica e immaginiamo.
Nella grande retrospettiva al Guggenheim di New Work del 2014, Vivien Greene ha descritto Marinetti come precursore di Andy Warhol: nel libro con riferimento a McLuhan, Gino Agnese suggerisce certa decifrazione. Il cosiddetto marketing e i file mitici sensuali sono sempre esistiti, dai segnali di fumo e la parola come medium ai satelliti e il wireless. La pubblicità oggi è arte elettronica. Oggi ne siamo vagamente consapevoli. L’uomo è animale economico, meglio tecnoeconomico, ma per fortuna sempre desiderante.

Roberto Guerra ha pubblicato raccolte poetiche, fantascienza e diversi saggi futuribili. Tra essi segnaliamo: Il futuro del villaggio. Ferrara città d’arte del 2000 (Liberty House, Ferrara,1991), Futurismo per la nuova umanità… Armando, Roma, 2012). Collabora con riviste (MeteoWeb.eu) e case editrici (La Carmelina). Cura il Laboratorio Letteratura Futurista per l’AIT (Associszione Italiana Transumanisti, Milano).

 http://www.ferraraitalia.it/lintervista-roberto-guerra-il-nuovo-futurismo-ha-cuore-cervello-e-liberta-32460.html

Laura Biagiotti, Moda e Futurismo, intervista a Roberto Guerra


DARING TO DO


*a c. di L. Siniscalco e V. Iannuzzo

Moda futurista, un ritorno all’avanguardia
L’anno 2014 ha visto un grande ritorno alla ribalta internazionale del futurismo con la famosa retrospettiva al Guggenheim di New York, a cura di Vivien Greene. In Italia, invece, è forse nella moda che il futurismo è tornato principalmente in auge, con una firma d’eccezione: Laura Biagiotti (come arcinoto casa di moda di Roma Capitale e fiore all’occhiello del Made in Italy) ha recentemente presentato e dedicato all’avaguardia futurista a Milano la sua ultima collezione targata SS 2015; dedicata in particolare a Giacomo Balla, a un secolo esatto dalla pubblicazione del suo manifesto sulla Moda. La celebre stilista è da sempre ammiratrice del futurismo, custodisce persino un centinaio di opere dello stesso Balla e già nel 1986, al Museo Puskin di Mosca, nell’ex Urss, presentò una sua collezione ispirata alla moda futurista.
Abbiamo interpellato il futurista Roberto Guerra, figura di punta del nuovo futurismo italiano insieme ad Antonio Saccoccio, Vitaldo Conte, Graziano Cecchini e il Gruppo Netfuturismo, che ha proprio Roma come nuova capitale artistica, per saperne di più. Lo stesso Netfuturismo si è già segnalato (come si leggerà) nella sua revisione digitale del futurismo storico anche e proprio per la nuova moda futurista.

Roberto Guerra, anche Laura Biagiotti è futurista?
Nel preambolo hai già citato tu l’influenza esplicita del futurismo sulla grande stilista Made In Italy. Come io stesso e altri netfuturisti abbiamo scritto in diversi libri, il futurismo fu un’arte anche eminentemente di massa e pubblicitaria ante litteram. La stessa Vivien Greene ha definito Marinetti un precursore di Andy Warhol. Così il cerchio si chiude

Più nello specifico, quali futuristi lanciarono l’arte come Moda?
Oltre a Balla e ai suoi gilet, già persino iperrealisti, gli stessi Depero, Prampolini, Delaunay, Thayaht: in particolare, dopo il mitico manifesto Il Vestito Antineutrale (1914), sempre di Balla (tanto per ricordare anche il centenario della prima guerra mondiale), nel cosiddetto secondo futurismo l’attenzione al valore innovativo della Moda e della nuova cultura di massa, all’epoca nascente, dopo la Radio e la Pubblicità, fu costante. E Laura Biagiotti, oggi, reinventa con grande link mediatico la memoria stessa futurista, il futurismo non solo come avanguardia tutt’oggi propulsiva, ma – per dirla con lo stesso McLuhan – avanguardia di massa, di cui la Moda assurge a linguaggio peculiare. Per la cronaca, proprio il collega Saccoccio, fondatore del Netfuturismo, in tempi recenti ha promosso nell’avanguardia pura gadget d’arte/moda significativi, con il marchio SIVOGA!

http://www.daringtodo.com/lang/it/2015/04/13/moda-futurista-un-ritorno-allavanguardia-lintervista-roberto-guerra/
.

domenica 15 marzo 2015

Marinetti 70 Recensione Presentazione

da METEOWEB

edieuropa_Marinetti70
Presentato a Roma il libro “Marinetti 70. Sintesi della Critica Futurista”
martedì 10 febbraio 2015, 17:15 di

Domenica 8 febbraio 2015, presentato presso  la Galleria Edieuropa QUI arte contemporanea (Roma, Piazza Cenci 56), il libro “Marinetti 70. Sintesi della Critica Futurista”, a cura di Antonio Saccoccio e Roberto Guerra (Armando Editore). La revisione più recente sul fondatore del Futurismo, oggi riletto come autentico precursore dell’era informatica, dei tempi postmoderni e della Internet Revolution. Per l’occasione sono intervenuti : Giovanni Antonucci, Francesca Barbi Marinetti, Giancarlo Carpi, Simona Cigliana, Vitaldo Conte,  Massimo Prampolini, Antonio Saccoccio, Luigi Tallarico. A settant’anni dalla morte, il fondatore del futurismo Filippo Tommaso Marinetti continua a essere una delle figure più discusse e controverse della cultura italiana. In questa pubblicazione alcuni tra i maggiori studiosi viventi dell’artista esplorano aspetti fondamentali della sua opera: il culto della modernità, le ricerche poetiche e parolibere, i rapporti con la politica (nazionalismo, socialismo, anarchismo, fascismo), l’influenza sulle avanguardie europee, l’attualità delle sue intuizioni nel XXI secolo. Il volume, a cura di Antonio Saccoccio e Roberto Guerra, contiene contributi  (oltre agli stessi curatori) di Enrico Crispolti, Paolo Valesio, Simona Cigliana, Günter Berghaus, Gino Agnese, Giordano Bruno Guerri, Giorgio Di Genova, Riccardo Campa, Pierfranco Bruni, Vitaldo Conte, Massimo Prampolini, Patrizio Ceccagnoli, Giancarlo Carpi, Luigi Tallarico, Miroslava Hajek, Giovanni Antonucci, Massimo Duranti, Francesca Barbi Marinetti.

Antonio Saccoccio  è studioso delle avanguardie e del futurismo, collabora con l’Università Tor Vergata di Roma, già curatore del convegno Eredità e Attualità del Futurismo (Roma, 2013) e coautore di Manifesti Net.futuristi (Avanguardia 21, 2012.) Roberto Guerra è poeta e attivista futurista, già autore di Futurismo per la Nuova Umanità (Armando editore, 2012) e Futurismo e Transumanesimo, la poetica di Internet (La Carmelina, 2014). E cosi i curatori e Vitaldo Conte (tra gli autori e relatori) rileggono il futurismo contemporaneo, in chiave, oggi, non più “vitalistica”, ma umanistico-scientifica,  al passo  -auspicato- con la nascente società della conoscenza e della rivoluzione digitale post Internet.
Guerra, in un’intervista rilasciata a Ferrara Italia, ha dichiarato che ” Marinetti 70′ sintetizza l’attuale livello critico e operativo. Analisi eclettiche tra i bordi della storia dell’arte e del nuovo futurismo operativo: da un lato il paradigma strettamente estetico o estetico sociale, come gli interventi di Di Genova, Duranti, Prampolini, Ceccagnoli, Antonucci, la Barbi Marinetti, oppure Crispolti, Tallarico, Valesio, Conte, Bruni, dall’altro paradigmi dopo la scienza e internet. In ogni caso come fare anima o ‘brain’ nel mondo computer, registro di sistema condiviso, più o meno, da tutti gli autori.” Saccoccio, ad un’intervista di Asino Rosso, ha dichiarato che “l’idea di base del Futurismo fondato da Marinetti è un’idea intramontabile, è la sfida nei confronti di chi non si accorge che la realtà si trasforma e va continuamente reinterpretata, è la sfida per una costante evoluzione. I futuristi, un secolo fa, ebbero il compito di testimoniare la trasformazione della sensibilità umana per mezzo delle grandi innovazioni tecnologiche (telegrafo, telefono, cinema, automobile, treno, aereo). Il Net.Futurismo, oggi, deve essere interprete dello straordinario rinnovamento della nostra sensibilità, avvenuto in seguito alla rivoluzione neo-tecnologica. E la “rete” (net) è assunta come paradigma in grado di riassumere la sensibilità contemporanea. ”
Vitaldo Conte ha detto  “Marinetti 70, con il suo variegato panorama di interventi, risulta un qualificante “mettere in circuito” focalizzazioni storiche insieme a ipotesi e proposte. Queste ultime vertono sulla presenza del futurismo marinettiano nel corpo dell’attualità, sia come pensiero e sia come creazione a tutto campo, confrontandosi con le seduzioni di ogni possibile avanguardia di arte-vita...

METEOWEB.EU

Futurismo e Transumanesimo, recensione (Meteo Web)


da METEOWEB

 transvision 2010

Il fenomeno transumanista

martedì 9 settembre 2014, 19:48 di


Un eBook recente, “Futurismo e Transumanesimo. La Poetica di Internet” (La  Carmelina edizioni, Ferrara-Roma, 2014) fa il punto sul controverso movimento culturale d’ispirazione scientifica che da tempo segnala una nuova fiducia verso la scienza e tecnologia come risposta alla crisi contemporanea.  Il poeta saggista Roberto Guerra (anche transumanista) l’autore. Il movimento nato in Usa verso il duemila, diffuso anche in Italia con le associazioni culturali AIT e Network Transumanisti,  da un lato appare favorevole alla libera ricerca scientifica anche radicale, longevità estrema e potenziamenti tecnologici (innesti cyborg, medicina d’avanguardia e crionica inclusi) e alle nuove tecnologie per il cambiamento sociale, dall’altro – da cui molte polemiche-  appare radicalmente critico verso certo ambientalismo culturale – da esso definito neoluddista – oggi prevalente almeno in Italia e Europa.
Note negli anni scorsi le polemiche con il celebre storico Fukujama che definì il movimento “L’idea più pericolosa al mondo”, forti le critiche bioetiche degli stessi Giuliano Ferrara e Marcello Veneziani, dall’ambiente cattolico e “conservatore”.  Guerra chiarisce un poco le questioni. Il transumanesimo o semplicemente postumanesimo o nuova futurologia scientifica, è nato in ambito praticamente accademico e coinvolge soprattutto ricercatori in molti laboratori ufficiali  (Il biochimico inglese Aubrey de Grey) o figure ineccepibili come Ray Kurzweil che collabora con Nasa e Google, lo stesso Larry Page… anche Marvin Minsky, storico padre dell’Intelligenza Artificiale. Pare sconfinare con la fantascienza perchè supportato da celebri scrittori come gli stessi Bruce Sterling, Robert Sawyer e Dan Brown (!). Guerra chiarisce un poco le questioni evidenziando certo substrato del movimento, sia con riferimenti a certa psicanalisi culturale e appunto futurologia (lo stesso Asimov), sia l’attuale pubblicistica italiana, segnalata proprio in questo 2014 anche da media di forte audience quali Focus, Espresso, Panorama (nel 2010  a Milano anche un convegno internazionale transumanista).
Negli ultimi tempi si segnalano i libri di Riccardo Campa, sociologo della scienza a Carcovia, “Mutare o Perire” (Sestante edizioni) e “La specie artificiale” (Deleyva); Giuseppe Vatinno, “Il Transumanesimo.., (Armando editore), fisico e già parlamentare, Roberto Manzocco, “Essere Umani 2.0” (Springer), non ultimo- almeno lateralmente-  il recente IIF (Italian Institute for the future di Roberto Paura, Napoli). Nuove direzioni  che dimostrano, almeno secondo Guerra, il postumanesimo  al passo con certa stessa ecologia ma scientifica, certaeredità attuale del famoso Club di Roma di Aurelio Peccei , di pionieri italiani quali Silvio Ceccato e  Roberto Vacca, più in generale con l’Umanesimo ma scientifico contemporaneo, prossimo alla società aperta e della conoscenza promossa dallo stesso Popper.
Info: Transumanesimo in Italia  wikipedia
(Photo da Transvision 2010, Milano, convegno internazionale transumanista)*

giovedì 26 febbraio 2015

Futurismo anniversario, giovani da 106 anni


 
20 febbraio 1909, 20 febbraio 2015, anniversario compleanno 106 del futurismo.  Futuristi giovani da 106 anni.... parafrasando una speciale pubblicità recente, Edison, già griffa infatti particolare, dal grande Thomas, inventore della luce elettrica con il nostro Alessandro Volta? Pare proprio di si, alla luce della grande retrospettiva del 2014 al Guggenheim Museum di New York sul futurismo storico, non ultimo in Italia dal volume appena edito da Armando editore, Marinetti 70 Sintesi della critica del futurismo, a cura di Antonio Saccoccio, netfuturista digitale - Univ. Tor Vergata, Roma e del sottoscritto, poeta futurista e elettronico: una re-visione aggiornata per l'anniversario stesso settantesimo della scomparsa di Marinetti, con - tra gli autori- alcuni dei principali storici e critici del futurismo, stprico e digitale, per la prima volta assieme per un bilancio critico aggiornato ed in progress. 
Il futurismo continua oggi e in Italia  ancora la sua Capitale, in chiave contemporanea, alla luce dell'era informatica:  Marinetti e il futurismo? Precursori del computer world attuale, di Internet.
E chiarita, attualmente, anche la famosa querelle storica sull'equazione futurismo-fascismo: ben più complessa anche storicamente,  contingenze quasi skinneriane o pavloviane...: se Marinetti era in Russia sarebbe stato con Lenin, viveversa Majakowskij .. con Mussolini, peraltro considerato quasi fin alla viglia della marcia su Roma dallo stesso Lenin un rivoluzionario, particolarmente irritato dalla rottura dei socialisti con l'ex "rivoluzionario", più o meno lo stesso giudizio di Gramsci sul futurismo in tempo reale. 
Noi aggiungiamo, senza rimuovere  certa comunque secondaria collusione in Italia, né certa clamorosa ingenuità in Russia.., che per spiriti e idee rivoluzionarie come ... il futurismo, politicamente era quello che passava  il secolo, il convento dell'epoca, e se non osano gli artisti il salto nel futuro e nel mondo nuovo, il mondo.. sarebbe sempre vecchio, anzi si sarebbe già estinto dal neolitico...
E nessuna iperbole: se gli orizzonti sani del nostro tempo,  il mondo tecnoscientifico - e poco altro-  segnala ancora nella crisi contemporanea totalmente imprevista solo negli anni '60, scenari futuri desiderabili, ripetiamo captati eccome dal Futurismo, l'Ombra, per dirla con Jung, del nostro tempo è in primo piano, come tutti sanno: dovevamo andare in vacanza su Marte nel duemila, invece,  nonostante i progressi scientifici,  il Reale è paradossalmente un nuovo medio evo (ben poco meraviglioso alla Huizinga o Le Goff) con incubi di  povertà retromoderne, terza guerra mondiale e scontri di civiltà impensabili.
E l'arte scienza futurista, al passo con l'evoluzione scientifica contemporanea, ci ricorda, pur in dinamiche globali del genere, più nello specifico  di abusata società liquida, di compiacimento nichilista autodistruttivo, di vera e propria patologia politica generalizzata, certa nuova configurazione e  cambio di rotta, probabilmente l'unica ricetta planetaria, dalla forza della scienza e dell'immaginario futurista in senso espansivo, non solo ovvio i futuristi, per pilotare le soluzioni vincenti.  Dalla follia e dalla stessa patologia della normalità (l'infame buon senso o la voluttà di essere fischiati denunciato e ... provocatorio di Majakowskij e Marinetti) al regno della macchina  rivoluzionaria, ovvero della scienza, oggi non più mera utopia, ovvero della libertà e del pensiero complesso e della Conoscenza, anziché le superstizioni religiose storiche o non riconosciute ancora dominanti (dietro una patina di "democrazia" in Occidente e di "autodeterminazione"  nel terzo/quarto mondo - con sceicchi e  capi tribu che sguazzano nell'oro o nelle allucinazioni  primordiali ancora animistiche... inclusi i terrorismi ben noti...),  Politica e Economia pre-scientifiche incluse (necessari altri Registri di Sistema, come dall'astrologia all'astronomia per intenderci).   
Ecco,  il pozzo senza fondo, il buco nero già s'intravede nell'attuale quasi orizzonte degli eventi: come nell'ouverture di 2001 .. di Kubrick, allora forse, anzi probabilmente scatterà la scintilla...  I popoli come estrema ratio di sopravvivenza si affideranno alla Comunità Scientifica, ai veri esperti, tempo di essere chiari.  E in tale rivoluzione democratica ma informatica, effetto misconosciuto della/dalla Rete e dal Web, che l'attuale ancora pianeta delle scimmie... capta solo come una specie di elettrodomestico gigante, credenti solo nella numerologia delle Borse e dei capi di stato diversamente babbuini..., i futuristi saranno in prima fila accanto agli Scienziati e al People Web 3.0.Roby Guerra

http://lanotiziah24.com/2015/02/roma-futurismo-anniversario-giovani-da-106-anni/


sabato 7 febbraio 2015

Domenica futurista, presentazione di Marinetti 70....Roma

febbraio 4, 2015 • Regione Lazio
Domenica Futurista…  8 febbraio dalle ore 11.30 alle ore 14.30 – Presentazione del libro "Marinetti 70. Sintesi della critica futurista", a cura di Antonio Saccoccio e Roberto Guerra, futurista ferrarese. (ArmandoEditore, Roma), presso la Galleria edieuropa Roma – Piazza deiCenci, 56.

(*Galleria,già Editalia, dal 1966, storica per l'avanguardia italiana del/dalsecondo novecento). Tavola rotonda con i seguenti autori del volume: Giovanni Antonucci, Francesca Barbi Marinetti, Giancarlo Carpi, Simona Cigliana, Vitaldo Conte(Vitaldix T Rose), Enrico Crispolti, Giorgio Di Genova, Massimo Prampolini, Antonio Saccoccio, Luigi Tallarico. (Nel volume Marinetti70… oltre ai relatori per l'evento in questione, contributi inoltre di Gino Agnese, Günter Berghaus, Pierfranco Bruni, Riccardo Campa, Massimo Duranti, Roberto Guerra, Giordano Bruno Guerri, Miroslava Hajek,  Paolo Valesio).


*Marinetti 70 anni dopo, a cura di due esponenti del futurismo ultima generazione, Antonio Saccoccio e Roberto Guerra: un libro-esplorazione collettaneo intrigante e innovativo:

I diversi autori inclusi (alcuni dei piu importanti storici e critici del futurismo) segnalano probabilmente una nuova fase per il fu Movimento futurista fondato da Marinetti: FTM è scomparso nel 1944, ma quale influenza tutt'oggi sull'arte contemporanea!. Anzi, a quanto pare Marinetti e il futurismo oggi, anni 10 del 2000, vanno considerati a tutti gli effetti precursori dell'odierna età informatica, anche come futurismo sociale o futurologia (per dirla all'anglosassone):.
.. Una re-visione 2.0, del futurismo che delinea orizzonti se non di continuità ovviamente del futurismo storico movimentista, almeno una sua dis-continuità, in ambito culturale, creativamente accademica e – come accennato- futuribile, in dinamiche già postumane, oltre la stagione ambigua postmoderna. critico verso la società liquida contemporanea….
…Un download del medium messaggio futurista per nuovi orizzonti finalmente solidi sebbene dinamici e aperti alla complessità contemporanea: nel divenire e al passo sia con l'arte contemporanea in imprevedibile ancora definizione – nell'attuale mutazione- sia con il divenire della conoscenza: Come direbbe Brian Eno, Before and after the science…prima e dopo il futurismo, oggi 2.0.


INFO DOMENICA FUTURISTA...e Marinetti 70…

EXIBART  http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=146558
ITALIAN NETWORK  http://www.italiannetwork.it/news.aspx?id=26979